Tofu: cos’è e come utilizzarlo

Chi non ha mai sentito parlare di TOFU alzi la mano!

Importato dall’oriente, è ultimamente arrivato anche sugli scaffali dei nostri supermercati. Ma di cosa si tratta?

E’ un prodotto vegetale ottenuto dalla cagliatura del latte di soia di cui conserva le proprietà.

100 g di tofu apportano circa 81 kcal, 8 g di proteine e 4,8 di lipidi.

Tra quest’ultimi la componente dei grassi saturi è pressoché nulla, mentre generosa quella dei grassi polinsaturi (soprattutto acido linoleico). E’ importante inoltre sottolineare che non contiene colesterolo. Mentre il suo apporto proteico è pari circa a quello di un formaggio fresco.

Si caratterizza per un’elevata digeribilità e può essere consumato anche da chi  è intollerante al lattosio ( essendone privo) e dai soggetti celiaci.

Dato il suo limitato apporto calorico e glucidico il suo consumo è giustificato anche  nel contesto di diete ipocaloriche. Inoltre può essere consumato da soggetti ipertesi visto il suo ridotto contenuto in sodio e da soggetti vegani o vegetariani come fonte proteica. Infine, essendo un prodotto ottenuto a partire dalla soia, contiene isoflavoni: molecole che si legano ai recettori degli estrogeni esercitando un’azione ambivalente simile agli ormoni femminili ed aiutando a prevenire l’osteoporosi e a ridurre i sintomi della menopausa.

Nonostante il tofu rappresenti una valida alternativa alle proteine animali, è privo di vitamina D e vitamina B12. Per questo il suo consumo dovrebbe essere inserito nel contesto di un’alimentazione sana, varia ed equilibrata, in modo da sopperirne le carenze in micronutrienti.

Il suo sapore neutro lo rende un ingrediente versatile per molte preparazioni e abbinamenti. Il fatto che riesca ad assorbire gli aromi con cui viene cucinato, rende il tofu un alimento adatto a creare vari piatti, dall’antipasto al dolce.

29340789_10214026023439101_75427571_n

In commercio esistono numerose varietà di tofu sia fresco che conservato. Tra gli scaffali potete trovare il tofu al naturale ( il classico “panetto” simile alla feta ), il tofu seta dalla consistenza morbida simile ad un budino e il tofu fermentato dal sapore più forte e pungente.

Il tofu  al naturale si può cucinare a cubetti in padella con salse, spezie ed erbe. Ottimo anche grigliato o al forno, insaporito con la senape. Prima di cucinarlo lo si può lasciare marinare in succo di limone ed erbe.

Nella foto: tofu in padella con salsa teriyaki e semi di sesamo accompagnato da riso e basmati e una porzione di broccoli lessi.

Annunci

Un pensiero riguardo “Tofu: cos’è e come utilizzarlo

  1. ti dirò che, a dispetto della sua brutta fama, a me, se cucinato bene, tipo il tuo, non dispiace affatto!!!! ❤ brava!!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close